martes, 27 de enero de 2009

FLORENCIA



Para abrazar al poeta Montale

—es generosa su tristeza— estoy
en la ciudad que tanto quise. Es
como si cada piedra que el pie pisa
fuese mi corazón, mi mal de un tiempo,
Mas no me quejo. Nace
—otra constelación— una edad nueva.


Umberto Saba, Italia, Trieste, 1883
(Versión de Pablo y
Esteban Gabriel Anadón)

Per abbracciare il poeta Montale
—generosa è la sua tristezza— sono
nella città che mi fu cara. È come
se ogni pietra che il piede batte fosse
il mio cuore, il mio male
di un tempo. Ma non ho rimpianti. Nasce
—altra costellazione— un'altra età.




No hay comentarios: